Stampa

FAQ - Domande frequenti

FAQ - Domande frequenti

FAQ - Domande frequenti

 

Cosa ottengo con l'acquisto di una licenza software usata?

Solitamente l'acquisto di software usato costituisce l'acquisto di un diritto. Viene acquisito il diritto di utilizzare un programma per computer.

 

Quali documenti fanno parte della fornitura?

Con ogni ordine i nostri clienti ricevono il documento di trasporto (dove previsto) e la fattura. Questi documenti sono sufficienti per poter dimostrare l’acquisto delle licenze a norma di legge. Forniamo inoltre in un supplemento a parte le chiavi di licenza per attivare il software, se questo è necessario. Sono escluse le CAL, poiché non vanno attivate con alcun product key.

 

Se acquisto software usato, ho diritto anche all'assistenza e agli aggiornamenti?

Tutti i servizi post-vendita del produttore sono disponibili anche per l'uso di licenze usate. 

 

Devo presentare dei documenti al produttore di software o sottopormi a un “audit”?

Non c’è alcun obbligo generale di un utente del software di spiegare al produttore, dietro sua richiesta non ulteriormente giustificata, il proprio diritto all’utilizzo. L’utente inoltre non è affatto obbligato a sottoporsi a un audit. Un obbligo per legge in tal senso non si può desumere neanche dalle relative sentenze della Corte di giustizia europea (CGE), che confermano senz’ombra di dubbio la legittimità dell’utilizzo dei software usati.

 

È possibile vendere le licenze software facenti parte di un contratto multilicenza?

Le singole licenze software dei contratti multilicenza di Microsoft possono essere rivendute come licenze usate. Ciò è stato stabilito il 4 aprile 2008 dal tribunale di Monaco I, nell'ambito di una causa sul pagamento del prezzo d'acquisto (numero protocollo 30 O 8684/07). La sentenza è passata in giudicato.

Il tribunale ha stabilito che "la vendita o la cessione delle singole licenze software di Microsoft, presentate nel quadro di un accordo multilicenza, sono ammissibili anche senza il consenso di Microsoft." In altre parole: qualora Microsoft abbia venduto più diritti di utilizzo in un pacchetto multilicenza, ad esempio con un unico CD master, il suo diritto di distribuzione si esaurisce per ogni singola licenza. Pertanto è possibile vendere le licenze separatamente, non solo nella forma del pacchetto originaria. Con questa sentenza la Corte ha anche respinto il parere legale di Microsoft, secondo il quale l'acquirente di un contratto multilicenza non acquista una singola licenza individuale ma solo un diritto di riproduzione in più copie.

Il tribunale di Monaco fa esplicito riferimento alla sentenza del tribunale di Amburgo, che nel giugno 2006 aveva dichiarato ammissibile la rivendita di licenze individuali di contratti multilicenza (protocollo numero 315 O 343/06). In questa sentenza, il tribunale ha respinto chiaramente l'argomentazione di Microsoft, secondo cui non sarebbe consentita una scissione delle licenze in virtù delle condizioni vantaggiose concesse. "Ciò", recita la sentenza, "è del tutto irrilevante per la questione dell'ammissione dell'esaurimento. " In particolare il tribunale di Amburgo ha sottolineato l'inefficacia delle disposizioni limitanti la rivendita contenute nelle condizioni di licenza di Microsoft. L'esaurimento sarebbe quindi un "diritto imperativo, non alienabile per contratto.
Ciò è confermato anche dalla sentenza della Corte d'Appello di Francoforte del 18.12.2012 (numero di protocollo 11 U 68/11

 

 

Come si svolge l’acquisto dei software usati?

Per farle capire come si svolge l’acquisto di una licenza da noi passo passo, descriviamo di seguito ogni singola fase.

1. Lei ordina il software nel nostro negozio online
2. Riceve una conferma di ricezione del Suo ordine
3. Riceve il Suo software entro i tempi concordati, compresi:
- documento di trasporto (dove previsto) e fattura (come prova del legittimo acquisto del diritto di licenza) 

- licenza ed evtl. supporto dati per l’installazione, dove previsto
4. Con il saldo conclusivo della fattura l’acquisto è regolarmente effettuato.

 

Se acquisto una licenza usata, devo comunque registrarla presso il produttore?

Non è richiesto nessun obbligo di registrazione presso il produttore di software. Eventuali condizioni di licenza diverse riportate nel contratto di acquisto sono inefficaci. Il motivo: l'obbligo di registrazione imposto contrattualmente non è compatibile con il principio di esaurimento né con la libera disponibilità del proprietario.

 

Il produttore del software deve approvare la vendita delle licenze usate?

No, l'approvazione della società di software per la vendita di licenze usate non è necessaria. Al fornitore non spetta questa facoltà di influenza sulla rivendita mediante la sua approvazione. Per questa stessa ragione, le clausole corrispondenti inserite nei contratti di acquisto sono inefficaci. Il motivo: la riserva di consenso imposta contrattualmente non è compatibile con il principio di esaurimento né con la libera disponibilità del proprietario.
Di fatto ciò conferirebbe al produttore la possibilità di rifiutare il consenso, in contrasto con la sentenza della 
CGUE.

 

In quali paesi è possibile rivendere le licenze software?

Le licenze software usate possono essere vendute nel territorio dell'UE.

 

Perchè le nostre licenze costano di più rispetto alle offerte che si trovano su alcuni siti marketplace (Amazon, Ebay, ecc)?

Per il semplice fatto che sono legali e conformi alla Normativa Europea, non sono licenze MSDN, MAPS, DREAMSPARK, STUDENT come quelle vendute a pochi euro o a prezzi ridicoli sui siti marketplace